Fandom

The Elder Scrolls Wiki

Presa della Città Imperiale

1 218pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Share

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

La Presa della Città Imperiale (854 2E) è uno scontro militare avvenuto tra gli eserciti di Falkreath e degli Stati Coloviani (Cyrodiil occidentale), sotto il comando dei giovani Talos e Amiel Richton, contro le armate di Bruma e del Niben (Cyrodiil orientale), guidate dal re Cuhlecain

Lo scontro si svolse alle porte della Città Imperiale, e non si ricordano particolari formazioni brillanti o tattiche di grande maestria militare, le uniche informazioni (non confutabili) ancora in possesso degli studiosi e della Legione Imperiale affermano che i due eserciti si scontrarono in un terribile e cruento scontro dove si decimarono a vicenda. Inoltre è possibile affermare anche che gli ultimi soldati della Legione Reman che ancora, dopo tanto tempo dalla caduta della Dinastia Reman difendevano la città in qualità di guardie, parteciparono alla battaglia schierandosi con Cuhlecain, ma furono annientati e inceneriti fino all'ultimo da Hjalti che cavalcava il drago Nafaalilargus.

La battaglia rimane ancora un evento di grande dibattito, poiché esistono versioni differenti dell'accaduto.

1) Versione Ufficiale (ma molto contesta):

In realtà la battaglia sarebbe stata una farsa e probabilmente mai avvenuta. Gli eventi che si ricordano come "Presa della Città Imperiale" indicano semplicemente l'ascesa al Trono Rubino di Tiber Septim, dopo che questi fallì nel difendere il suo re. In compenso visto che non vi era un pretendente al trono i soldati acclamarono il generale Talos come nuovo imperatore di Cyrodiil e Skyrim.

2) Eresia Acturiana (versione dei fatti trattati dai Thalmor):

Lo scontro avvenne realmente tra Talos e Cuhlecain, tuttavia non fu una battaglia bensì un assedio che durò solo due giorni prima che il generale e il sovrano si riconciliarono, proponendo un trattato di pace, nel quale entrambi si sarebbero spartiti Cyrodiil e Skyrim a metà. Ma mentre i due erano intenti a firmare la pergamena, Cuhlecain fu sgozzato da un assassino della Confraternita Oscura in circostanze molto misteriose. Hjalti, cercando di proteggerlo, fu ferito alla gola e per diversi mesi non poté più usare il Thu'm. Dopo il terribile incidente Zurin Arctus, precedente mago di corte presso Bruma, pose la corona sulla testa di Talos, nominandolo imperatore con il nome di Tiber Septim.

3) Racconti Popolari (maggiormente accettati da tutti i popoli e razze di Tamriel):

Dopo la Battaglia di Anvil il giovane Hjalti, scoprì che il matrimonio politico tra il primogenito del sovrano e la figlia di Cuhlecain era una farsa. Il re di Bruma aveva rapito la fanciulla per condurla alla Città Imperiale dove l'avrebbe sacrificata a Molag Bal, in modo tale da convincere il principe daedrico a schiacciare una volta per tutte il suo generale ribelle, Talos. Hjalti, disperato per non essere arrivato in tempo, chiese aiuto ai suoi amici capitani, Amiel Richton e Titus Alorius, i quali immediatamente organizzarono le armate degli Stati Coloviani e di Falkreath per marciare sulla Città Imperiale. Avvenne quindi una leggendaria e cruenta battaglia, scatenata principalmente da Hjalti che voleva salvare la fanciulla a tutti i costi. Talos affrontò migliaia si soldati, fu aiutato anche dal drago Nafaalilargus che era il suo fedele compagno in molte avventure. Alla fine combatté contro Cuhlecain in persona sulla vetta della Torre d'Oro Bianco dove si stava svolgendo l'invocazione a Molag Bal. Talos duellò contro non solo il re, ma anche contro maghi da battaglia e centinaia di daedra che uscivano dai cancelli dell'Oblivion. Dopo ore di combattimenti, apparve la manifestazione di Molag Bal, sotto la forma di un Lord daedrico, ma il giovane guerriero riuscì a sconfiggere anche il principe daedrico rimandandolo nel suo reame ultra-terreno. Alla fine Hjalti ebbe la meglio, usando i suoi poteri di Sangue di Drago, riuscì quindi ad uccidere Re Cuhlecain e a salvare la figlia del sovrano. Dopo la battaglia i soldati, stupefatti dalle imprese di Hjalti, acclamarono lui e la fanciulla come primi imperatori della Dinastia Septim.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso