Fandom

The Elder Scrolls Wiki

Paladino Gelebor

1 219pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Gelebor by anadenel-d6tvard.png.jpeg

Gelebor in una fan art

Gelebor è uno degli ultimi Elfi della neve di Skyrim sopravvissuti all'invasione Nord e alla schiavitù dei Dwemer. Lo si può trovare presso il Santuario di Auri-El a Skyrim, dove ricopre il ruolo di Paladino, mentre suo fratello Vyrthur ricopre il ruolo di Arciprete nello stesso tempio.

Descrizione Modifica

Età Modifica

L'età di Gelebor è sconosciuta, tuttavia si apprende dalle sue parole che era presente quando Yasgramor invase Skyrim e i Nord cacciarono gli Elfi della Neve, mentre suo fratello Vyrthur ha creato la profezia della "Tirannia del Sole",ragion per cui è ipotizzabile che abbia all'incirca più di 4,000 anni.

Guerra contro i Nord Modifica

Quando gli Atmoriani invasero Skyrim e ne cacciarono gli Elfi, Gelebor prestava servizio presso il Santuario di Auri-El come paladino assieme a Vyrthur e altri suoi confratelli. Quando fu chiaro che la guerra contro i Nord era ormai perduta, gli elfi presenti nel Santuario decisero di isolarsi per salvaguardare il luogo sacro e rimasero nascosti per secoli sia ai Dwemer che ai Nord. All'interno del Santuario erano rimasti poco più di un centinaio di Elfi, troppo pochi per rimpolpare la razza, ma essendo votati ad Auri-El accettarono i proprio destino e decisero di rimanere all'interno del santuario.

L'attacco dei Falmer e la caduta Modifica

Per alcuni secoli i sacerdoti e i Paladini del Santuario condussero una vita tranquilla, ignorati da tutti e isolati dal mondo. Tuttavia un giorno i Falmer, ovvero gli antichi Elfi della neve mutati dalla schiavitù, attaccarono in forze il Santuario. Gelebor e gli altri Paladini tentarono di resistere, ma furono sprecati dal numero di nemici e quasi tutti uccisi salvandosi in pochissimi. Superate le difese, i Falmer sciamarono all'interno del Santuario uccidendo tutti i sacerdoti e occupandolo in pianta stabile. Questo accadde secoli prima degli eventi narrati nel DLC Dawnguard. In seguito all'occupazione del Santuario Gelebor decise comunque di adempiere al suo dovere di paladino e rimanere a sorvegliare l'ingresso al Tempio situato nella Caverna di Darkfall e lì attendere finché Auri-El non gli inviasse aiuto.

Dawnguard Modifica

Avanzando nella story-line il Sangue di Drago, alla ricerca dell'Arco di Auri-El, verrà in contatto con Gelebor all'ingresso della valle dove è ubicato il tempio., Questi gli dirà che l'arco si trova all'interno del Santuario ma per arrivarci dovrà uccidere i Traditi, come lui malinconicamente chiama i Falmer, e uccidere l'Arciprete Vyrthur, che lui crede sia stato corrotto da quest'ultimi. Una volta portato a termine il compito Gelebor raggiungerà il Santuario dove apprenderà la verità sul fratello (era infatti lui a controllare i Falmer, e non viceversa, e li aveva costretti ad attaccare il tempio di Auri-El per vendicarsi del dio che non aveva saputo proteggerlo dal vampirismo).

Interazioni Modifica

Dopo la sconfitta di Vyrthur, Gelebor si trasferirà in pianta stabile nel Santuario. Qui il giocatore potrà recarsi per ottenere ulteriori frecce solari elfiche, necessarie all'arco di Auri-El.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso