Fandom

The Elder Scrolls Wiki

Grande Guerra

1 219pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Images.jpeg

La Battaglia dell'Anello Rosso tra Altmeri e l'Impero in una fan art

DescrizioneModifica

La "Grande Guerra" (4E 171 - 4E 175) è il conflitto che si è tenuto tra la Seconda Dominazione Aldmeri e l'Impero dei Mede durante la Quarta Era. I Thalmor la chiamano "La Prima Guerra con l'Impero" suscitando, così, non poca inquietudine.

AntefattoModifica

600px-SR-NPC-Emperor Titus Mede II.jpg

Titus Mede II

Nell' anno 168 della Quarta Era, Titus Mede II ascese al trono ed ereditò un impero molto indebolito. I giorni gloriosi della dinastia Septim erano ormai un lontano ricordo.

L'impero non controllava più alcune sue vecchie provincie: Valenwood ed Elsweyr erano cadute sotto l'influenza Thalmor ed erano state cedute, Black Marsh si era separata dall'Impero all'indomani della crisi dell'Oblivion e altre provincie erano in uno stato critico: Morrowind era stata quasi completamente distrutta dall'eruzione della Montagna Rossa e non si era ancora ripresa del tutto. Gli Argoniani di Black Marsh sfruttarono la loro naturale resistenza alle malattie per occupare e strappare all'Impero il sud di Morrowind poco dopo l'eruzione della Montagna Rossa, assolutamente invivibile per ogni altra razza di Tamriel nelle condizioni in cui si trovava. Hammerfell era afflitta dalla guerra intestina tra "Corone" e "Antenati". Solo Cyrodiil, High Rock e Skyrim rimanevano prospere e pacifiche. L'imperatore aveva pochi anni per consolidare e risanare il suo impero prima che il suo potere si indebolisse eccessivamente.

Nel 171, la Dominazione Aldmeri inviò un ambasciatore alla Città Imperiale con un dono in un carro coperto ed un ultimatum: la lunga lista delle richieste prevedeva pesanti tributi, scioglimento delle Blade ,la messa al bando del culto di Talos e la cessione di ampi territori di Hammerfell al Dominio Aldmeri. Nonostante gli avvertimenti dei suoi generali riguardo la debolezza militare dell'Impero, l'Imperatore rifiutò l'ultimatum. L'ambasciatore Thalmor allora capovolse il carro coperto rovesciando a terra oltre un centinaio di teste: ogni agente delle Blade nelle Isole Summerset ed a Valenwood era stato giustiziato. Questo fu l'inizio della Grande Guerra.

La guerraModifica

Le fasi iniziali 171-174 4EModifica

Mappa di Tamriel.png

Mappa di Tamriel

Alcuni giorni dopo il rifiuto dell'ultimatum, le armate Aldmeri invasero Cyrodill e Hammerfell simultaneamente. Una potente forza del generale Thalmor Lord Naarfin invase Cyrodiil da sud, marciando da campi militari nascosti nel nord di Elsweyr ed attaccando dal fianco la difese imperiali lungo il confine con Valenwood. Leyawiin cadde presto sotto gli invasori, mentre Bravil fu isolata e cinta d'assedio. Allo stesso tempo una armata Thalmor, sotto il comando di Lady Arannelya, attraversò l'occidente di Cyrodiil partendo da Valenwood, oltrepassando Anvil e Kvatch ed invadendo Hammerfell. Piccole forze Thalmor sbarcarono anche lungo la costa meridionale di Hammerfell. Le disunite e disorganizzate Redguard opposero solo una debole resistenza agli invasori e gran parte della costa meridionale fu conquistata. Le numerose legioni imperiali si ritirarono attraverso i deserti settentrionali della regione nella famosa Marcia della Sete. L'impero si era rivelato più debole di quanto i Thalmor stessi si fossero aspettati. La cattura della Città Imperiale divenne l'obiettivo primario dei Thalmor, che per poco non raggiunsero. Se non ce la fecero, il merito andò tutto alla strenua resistenza organizzata dall'imperatore Titus Mede II

Battle Of Shadymarch.jpg

Le Legioni Settima e Decima si coordinano per l'avanzata attraverso lo schieramento dei Thalmor

Nel 172 i Thalmor avanzarono in profondità all'interno di Cyrodiil. Bravil ed Anvil caddero agli invasori. Alla fine dell'anno, Lord Naarifin era avanzato quasi fino alle mura della Città Imperiale. Ci furono inoltre alcune feroci battaglie navali nel Lago Rumare (il lago che circonda la Città Imperiale) e lungo il Niben (l'affluente del lago) quando gli Imperiali cercarono di mantenere il possesso della costa occidentale della Città Imperiale.

Imperial Legion vs Aldmeri Dominion.jpg

L'esercito Imperiale affronta le truppe Thalmor di Lady Arannelya nel deserto dell'Hammerfell

In Hammerfell, i Thalmor si accontentarono di conquistare e consolidare il controllo di tutta la costa meridionale, la quale era del resto l'oggetto delle loro richieste nell'ultimatum all'Imperatore. Di tutte le città della costa meridionale, solo Hegathe riuscì a resistere agli invasori. 

I sopravvissuti della Marcia della Sete si unirono ai rinforzi di High Rock nel nord di Hammerfell. Il generale Decianus assunse il controllo di questa armata. Intanto l'apparentemente inarrestabile avanzata dei Thalmor in Cyrodiil proseguiva. Alcune legioni provenienti da Skyrim rinforzarono l'armata principale dell'Imperatore nella Città Imperiale, ma gli Aldmeri penetrarono a forza l'attraversamento del Niben e iniziarono a circondare la costa occidentale della Città Imperiale. Alla fine dell'anno la città era circondata su tre lati. Rimaneva libera solo una strada che dalla CIttà Imperiale conduceva a nord, verso Bruma.

Imperial Legion-0.jpg

I legionari del generale Decianus affrontano la marcia nel deserto Alik'r dopo la sconfitta subita presso Skaven

In Hammerfell la situazione migliorò: nel 173 una armata degli Antenati di Sentinel ruppe l'assedio di Hegathe (una città delle Corone) aprendo così la strada alla riconciliazione tra le due fazioni della regione. Frattanto, l'esercito Aldmeri di Lady Arannelya, che doveva inseguire gli Imperiali in fuga e poi penetrare in Cyrodiil, riuscì ad attraversare il deserto di Alik'r e raggiungere il nord di Hammerfell. La legione sotto il comando di Decianus  incontrò i Thalmor vicino Skaven, dando inizio a una sanguinosa ed inutile battaglia. Decianus si ritirò, lasciando Skaven agli Aldmeri. Essi erano però troppo indeboliti per proseguire e inseguire Decianus.

Decianus riuscì a riorganizzare l'esercito e a porre fine all'avanzata Thalmor, vincendo una memorabile battaglia nei pressi di Sentinel.

Nel 174, il comando supremo dei Thalmor decise di lanciare l'assalto finale alla Città Imperiale per porre fine alla guerra una volta per tutte e tutte le armate Aldmeri furono riunite nel sud Cyrodiil.

Fasi finali:174-175 Modifica

Il 12° del Secondo Seme del 174 gli Aldmeri lanciarono l'offensiva finale da tutti i lati della Città Imperiale. L'imperatore a questo punto prese una decisione coraggiosa: piuttosto che difendersi a oltranza nella città, con un folto gruppo di soldati uscì e si aprì la strada con la forza a nord per riunirsi con i rinforzi  del generale Jonna provenienti da Skyrim

L'ottava legione rimasta a difesa della città combattè una battaglia disperata, ma infine fu sopraffatta. La capitale cadde agli invasori, che compirono un ignobile saccheggio. Il Palazzo Imperiale fu bruciato, la Torre Oro Bianco saccheggiata e, come se non fosse già abbastanza, la popolazione subì ogni sorta di soprusi e atrocità.

Battaglia dell'Anello Rosso Modifica

A tutti i generali Imperiali fu ordinato di riunirsi immediatamente con l'Imperatore. Così, nell'inverno tra il 174 e il 175, mentre fingeva di trattare da sconfitto una tregua con gli Elfi, l'imperatore riuniva le sue forze e preparava la controffensiva.

Il generale Decianus decise di lasciare una guarnigione di "invalidi" ad Hammerfell prima di tornare a Cyrodiil. Ciò servì anche per far credere ai Thalmor che non se fosse andato. Le truppe lasciate ad Hammerfell riuscirono in seguito a cacciare gli Elfi da Skaven.

L'imperatore divise le sue forze in tre gruppi prima di lanciare l'assalto finale da tre direzioni diverse. 

30° della Mano del Sangue la controffensiva, nota come Battaglia dell'Anello Rosso

Le forze imperiali cercarono di circondare completamente la città e l'obiettivo fu raggiunto il quinto giorno di battaglia, dopo che furono sconfitte le resistenze Thalmor. Gli eroici legionari Nord di Jonna riuscirono anche a respingere delle controffensive del Dominio Aldmeri. A questo punto, fu lanciato l'assalto finale, con l'imperatore Titus Mede II alla guida dell'attacco principale da nord. Lord Naarfin fu catturato dall'imperatore stesso durante l'assalto. Alla fine, il principale esercito del Dominio a Cyrodiil fu quasi completamente annientato. La decisione dell'imperatore di lasciare la Città Imperiale nel 174 fu sanguinosamente giustificata. Lord Naarfin fu tenuto vivo per 33 giorni appeso alla Torre Oro Bianco; non si sa se il suo corpo sia stato sepolto.

Il Concordato Oro BiancoModifica

Più approfondito: Concordato Oro Bianco

Tamriel-201-QE.png

La situazione di Tamriel all'inizio di Tes V: Skyrim

Dopo la Battaglia dell'Anello Rosso, l'imperatore, conscio che le sue forze non fossero più sufficienti a contrastare i Thalmor, si trovò costretto a firmare il Concordato Oro Bianco, che poneva ufficialmente fine alla guerra. Questo concordato ebbe tre pesanti clausole:

  1. Quasi tutta Hammerfell del sud fu ceduta al Dominio Aldmeri. Le Guardie Rosse si sentirono tradite dopo tutti i duri combattimenti che avevano dovuto sostenere contro i Thalmor. Come conseguenza, esse rifiutarono il concordato e continuarono a combattere separatamente contro il Dominio. Infine, le Guardie Rosse cacciarono i Thalmor da Hammerfell, ma il rapporto con l'Impero si era ormai incrinato. Hammerfell si proclamò dunque uno stato indipendente ed all'Impero non restò altro che accettare i fatti.
  2. Il Culto di Talos fu vietato perchè ritenuto immorale dai Thalmor, ma molti nord proseguono il suo culto segretamente. I Nove Divini ritornarono Otto. I Nord, molto affezionati al culto di Talos, videro questa imposizione come un affronto: in particolar modo Ulfric Manto della Tempesta, il quale usò anche questo accaduto per preparare la sua insurrezione, ingraziandosi molti dei nord;
  3. Le Blade vennero sciolte ed i suoi membri quasi tutti uccisi; I Thalmor cercano i superstiti in tutta Skyrim per ucciderli e probabilmente gli unici membri in vita sono Delphine ed Esbern.

ConseguenzeModifica

Nonostante la guerra sia ormai finita, l'Impero ed i Thalmor rimangono ancora ostili l'uno all'altro. 

In ogni caso, attualmente nessuna delle due forze si ritiene abbastanza preparata per riprendere la guerra. Sembra comunque che una seconda Grande Guerra in futuro sia probabile, visto che dalle corrispondenze Thalmor in Skyrim è emerso che essi chiamano la Grande Guerra come "La Prima Guerra con l'Impero". Anche molti imperiali non vedono di buon occhio gli Elfi e vorrebbero una rivincita. Per il momento, si dice che entrambi gli schieramenti stiano progettando come difendersi da una possibile nuova guerra.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso