FANDOM


DescrizioneModifica

Un Sangue di Drago è qualcuno nato con l'anima ed il sangue di un drago, ma con il corpo di un mortale. Ci sono diversi tipi di Sangue di Drago, i più famosi sono stati gli imperatori di Cyrodiil, che vengono chiamati così in base al patto di sangue fatto tra Sant'Alessia (la prima imperatrice umana di Cyrodiil) e Akatosh, il dio del tempo( che ha l'aspetto di un drago, ed è considerato il padre dei draghi). Questi Sangue Di Drago tuttavia presentano delle differenze con il Dovahkiin ( il sange di drago di skyrim), infatti questi ultimi hanno il sangue e l'anima simili a quelli di un drago e come loro sono in grado di apprendere ed utilizzare con estrema facilità gli urli, mentre invece i Sangue Di Drago che regnavano su Cyrodiil erano diversi, visto che non avevano gli stessi poteri ,infatti non erano in grado di utilizzare conla stessa facilità gli urli dei draghi (sebbene ci siano stati dei casi di alcuni imperatori che sapevano usarli, anche se avevano dovuto impararli come qualunque altro comune mortale e non come il Dovahkiin). Essi potevano giusto utilizzare l'amuleto dei re, artefatto affidato da Akatosh a Sant'Alessia, per tenere chiusi i cancelli dell' Oblivion e per impedire ai daedra di venire liberamente nel Mundus.

Precedenti ApparizioniModifica

Dovahkiin

Nell'universo di The Elder Scrolls, il termine Sangue di Drago era solito riferirsi agli eredi dell'Imperatore Tiber Septim, fondatore della Dinastia Septim di Tamriel. Molti di questi eredi erano di razza Imperiale e giustificavano il loro diritto per via del patto tra Sant'Alessia ed Akatosh. I Sangue di Drago possono appartenere a qualunque razza, poiché il titolo è conferito dai Nove Divini ad alcuni prescelti.

Il Nerevarine, protagonista di The Elder Scrolls III: Morrowind, veniva anch'esso indicato come "Sangue di Drago" nella Profezia Perduta; il rapporto tra questo Sangue di Drago e quello di Skyrim è stato chiarito con lo sviluppatore Todd Howard, il quale ha rivelato che il Sangue di Drago di quest'ultimo capitolo è completamente differente rispetto a quanto visto prima.

In The Elder Scrolls IV: Oblivion Baurus, una Blade, alla fine del gioco accenna alla visione del Sangue di Drago avvenuta dall'Imperatore Uriel Septim VII. Non è ancora chiaro se il Sangue di Drago di cui parla sia l'Eroe di Kvatch o il Dovahkiin di Skyrim.

The Elder Scrolls V: SkyrimModifica

Il Sangue di Drago (o Dovahkiin nella Lingua dei Draghi), è il personaggio del giocatore in The Elder Scrolls V: Skyrim. All'inizio del gioco esso è un prigioniero, catturato nel tentativo di attraversare il confine di Skyrim. Mentre viene trasportato nella cittadina di Helgen, il giocatore scopre che uno dei prigionieri con cui si trova è Ulfric Manto della Tempesta, leader della ribellione. Probabilmente per monito verso tutti i traditori dell'Impero, il Generale Tullius condanna tutti i prigionieri alla decapitazione e quando sta per arrivare il suo turno un drago distruggera' helgen . Più in là il sangue di drago scoprira' la sua natura e riuscirà a sconfiggere il malvagio re dei draghi Alduin riuscendo a salvare tutto il Nirn dalla distruzione.

CuriositàModifica

NoteModifica

  • All'inizio del gioco, i dialoghi con Ralof o Hadvar fanno intuire che il Sangue di Drago ha cercato di attraversare il confine con Cyrodiil.