Fandom

The Elder Scrolls Wiki

Cephorus Septim I

1 219pagine in
this wiki
Crea nuova pagina
Discussione0 Condividi

Ad blocker interference detected!


Wikia is a free-to-use site that makes money from advertising. We have a modified experience for viewers using ad blockers

Wikia is not accessible if you’ve made further modifications. Remove the custom ad blocker rule(s) and the page will load as expected.

Cephorus Septim I (77 3E - 140 3E) è stato il decimo Imperatore di Tamriel della Dinastia Septim. Fu eletto all'unanimità Imperatore dal Consiglio degli Anziani dopo la morte del nipote Uriel Septim III nell'anno 127 3E. A detta di tutti fu un sovrano gentile ed intelligente.

Biografia Modifica

Nascita e infanzia Modifica

Cephorus nacque nell'anno 77 3E nella Città Imperiale, figlio di secondo letto del Principe Ereditario Pelagius Septim II e della Principessa Quintilla. Era dunque il fratello germano dell'Imperatore Antiochus Septim I e fratello legittimo di Potema Septim e Magnus Septim. Trascorse la propria infanzia nella Città Imperiale, senza avere particolari rapporti con i fratelli più grandi (anche perché Antiochus e Potema avevano rispettivamente 26 e 10 anni più di lui), ma sviluppando un rapporto abbastanza stretto col fratello Magnus Septim nato appena due anni dopo di lui.

Adolescenza e matrimonio Modifica

Come i suoi fratelli più grandi, Cephorus non beneficiò delle attenzioni dei genitori, che preferivano delegare l'educazione dei figli a dei precettori. Tuttavia la vicinanza col fratello gli permise di superare l'infanzia senza grosse conseguenze. Una volta raggiunta la maggiore età i suoi genitori gli fecero sposare la Regina Bianki, Regina della città Gilane nell'Hammerless in modo da consolidare l'alleanza tra l'Impero e il Regno dei Redguard. Nonostante la natura politica del matrimonio, esso fu abbastanza felice e allietato dalla nascita di molti figli. In quegli anni Cephorus visse per la maggior parte del tempo a Gilane assieme con la famiglia, col titolo di Principe Consorte.

Guerra del Diamante Rosso e Ascesa al trono Modifica

Alla morte del fratello Antiochus Septim I nell'anno 119 3E, si recò con la moglie nella Città Imperiale per rendere omaggio al defunto e al contempo vigilare sulla successione al trono della nipote Kintyra Septim. Fu anche grazie a lui che il Consiglio degli Anziani resistette alle pressioni di sua sorella Potema per far affidare la corona a suo figlio Uriel. Tuttavia nel 121 3E una congiura ordita da Potema e Uriel detronizzò l'Imperatrice Kintyra e fece salire al trono Uriel Septim III. Cephorus e Magnus si schierarono a favore della nipote e dettero inizio a quella che passò alla storia come la Guerra del Diamante Rosso.

Cephorus Septim.jpg

Cephorus Septim visita uno dei suoi accampamenti durante la campagna militare a Skyrim contro l'esercito di Potema Septim stabilitosi nel Whiterun.

Nell'anno 123 3E Kintyra morì assassinata, forse su ordine di Potema, così Cephorus venne acclamato capo supremo delle truppe Lealiste e, grazie anche ai soldati Redguard, condusse una grande offensiva contro Uriel Septim III che portò alla cattura dell'usurpatore nell'anno 127 3E dopo la battaglia di Ichigad. Tuttavia la sconfitta di Uriel III, linciato dalla folla inferocita mentre veniva scortato nella Città Imperiale, non pose fine alla guerra e per i successivi dieci anni Cephorus combatté una guerra senza esclusione di colpi contro la sorella Potema, che rifiutava di arrendersi. Alla fine ebbe ragione della resistenza della riottosa sorella e nell'anno 137 3E la guerra poté dirsi conclusa.

Regno e morte Modifica

Cephorus fu Imperatore per 13 anni dal 127 3E al 140 3E, tuttavia poté dedicarsi completamente all'amministrazione dell'Impero solo dal 137 3E al 140 3E, anche a causa dell'accanita resistenza oppostagli dalla sorella. La Guerra del Diamante Rosso era costata tanti sacrifici, ma lo stesso Cephorus ne soffrì particolarmente anche perché aveva visto morire sua moglie e tutti i suoi figli. Senza più eredi diretti, aveva dunque riversato il proprio affetto sui figli del fratello Magnus Septim, ovvero i nipoti Pelagius e Jolethe Septim. La morte lo colse nell'anno 140 3E, dopo una brutta caduta da cavallo, all'età di 63 anni.

Inoltre su Fandom

Wiki a caso